Fatturazione elettronica: tutte le regole e le sanzioni previste

Pesanti sanzioni previste dalla normativa vigente per coloro che inviano la fattura elettronica in ritardo, con errori, scartata dal Sdi o per coloro i quali omettono di inviarla: occorre però distinguere il periodo coperto dalla “moratoria” introdotta lo scorso anno ed il periodo successivo, quello “a regime”. Contribuenti e professionisti in questo ultimo anno si sono dovuti adeguare a questa grande novità incorrendo, ovviamente, in errori indipendenti dalla propria volontà. Adesso il cerchio si stringe ancora di più in quanto, la fattura elettronica inviata in ritardo, con errori o addirittura…

Leggi tutto

Decreto Fiscale: da oggi in discussione gli emendamenti con nuovi condoni e rinvii di sanzioni

Sono circa un migliaio gli emendamenti presentati per il Decreto Fiscale 24/2019 in Commissione Finanze alla Camera, in sede di conversione in legge e che a partire da oggi verranno discussi. Le proposte di modifica alla legge contenute nei documenti, riguardano principalmente riapertura della rottamazione e nuova sanatoria liti pendenti, pace fiscale sugli avvisi bonari, rinvio sanzioni lotteria scontrini, IVA ridotta su prodotti igienici femminili, multe meno salate se non si accettano pagamenti con carta. Andiamo nel dettaglio: Per la Pace Fiscale, ad oggi, il decreto prevede la riapertura dei…

Leggi tutto

Seggiolino obbligatorio: da oggi in vigore, in arrivo contributo per acquisto

Entra in vigore oggi il regolamento di attuazione dell’articolo 172 del nuovo Codice della Strada in materia di dispositivi antiabbandono, pubblicato il 23 ottobre scorso sulla Gazzetta Ufficiale. Dopo i tanti, troppi, casi di cronaca che hanno visto protagonisti e vittime i bambini in tenera età, rimasti chiusi in auto per una dimenticanza dei genitori, l’obbligo riguarda l’installazione, a bordo dei veicoli, di un dispositivo di allarme la cui funzione è quella di prevenire l’abbandono dei bambini di età inferiore ai quattro anni. Si attiva nel caso di allontanamento del…

Leggi tutto

Legge di Bilancio 2020: previsti aumenti in busta paga

Mentre il Consiglio dei Ministri è impegnato con la Legge di Bilancio 2020, arrivano i primi numeri con alcune novità e altre conferme, come il taglio del cuneo fiscale in favore dei lavoratori. In parole povere si indica una riduzione delle tasse sul lavoro, che dovrebbe comportare un aumento in busta paga da luglio prossimo, mentre lo sgravio andrà a regime dal 2021. Ancora non si hanno dettagli sul meccanismo: taglio dei contributi, riduzione dell’aliquota impositiva, credito d’imposta, gestione del bonus Renzi, per i quali si dovrà attendere uno specifico…

Leggi tutto

Rottamazione ter: domani ultimo giorno per aderire

È domani, mercoledì 31 luglio, l’ultimo giorno per poter aderire alla nuova scadenza, i cui termini sono stati riaperti dal Decreto Legge n. 34/2019 (“decreto Crescita”), convertito con modificazioni dalla Legge n. 58/2019. Si tratta della Definizione agevolata 2018, la cosiddetta “rottamazione-ter” delle cartelle. La riapertura dei termini riguarda solo i debiti non ricompresi nelle dichiarazioni di adesione alla “rottamazione-ter” presentate entro lo scorso 30 aprile. Infatti, in base a quanto previsto dal “decreto Crescita”, come ricorda l’Agenzia delle Entrate, è ancora possibile aderire alla “rottamazione-ter” esclusivamente per i debiti…

Leggi tutto

Versamento imposta di bollo su fatture elettroniche.

Il 22 luglio è il termine ultimo per versare l’imposta di bollo da applicare, in modo virtuale, alle fatture elettroniche per il secondo trimestre 2019. Quando si paga:L’imposta di bollo virtuale di 2 euro a fattura a carico del debitore è obbligatoria per le fatture emesse senza addebito IVA, se l’importo supera i 77,47 euro. Per importi inferiori la marca da bollo non va applicata, allo stesso modo di come avveniva per le fatture cartacee. Quindi le fatture elettroniche devono riportare specifica annotazione di assolvimento dell’imposta ai sensi del Dm…

Leggi tutto

Canone Rai: nessuna esenzione se l’anziano convive con la badante

Il quesito è scaturito da un interpello presentato all’Agenzia delle Entrate da un’anziana in possesso di tutti i requisiti (età e reddito) per poter fruire dell’esenzione dal pagamento del canone Rai, tranne uno: quello di non convivere con altri soggetti diversi dal coniuge o dall’unito civilmente, poiché nella sua stessa abitazione convive la sua badante. L’Agenzia delle Entrate, così, con la risposta all’interpello n. 242 del 15 luglio 2019 fornisce chiarimenti in merito, precisando che nel caso di presenza della badante convivente, considerata come “altro soggetto titolare di reddito proprio”,…

Leggi tutto

Detrazioni per i figli a carico, limite di reddito e novità per la dichiarazione del 2019

Sono cambiate alcune regole tra il 2018 e il 2019 sulla possibilità di richiedere detrazioni per i figli a carico: fino allo scorso anno, infatti, si poteva beneficiare delle detrazioni per i familiari fiscalmente a carico, purché il reddito di questi ultimi non superasse i 2.840, 51 euro. Dal 2019, invece, si considerano a carico i figli fino a 24 anni con un reddito non superiore ai 4mila euro, mentre per quelli di età superiore bisogna considerare il limite stabilito per tutti i familiari a carico, pari a 2.840,51 euro.…

Leggi tutto

Tutte le scadenze fiscali più importanti del mese di luglio 2019

Prima della pausa estiva, si fa per dire, per le scadenze fiscali, il mese di luglio si è aperto con alcuni appuntamenti importanti per il contribuente, tra cui i termini per la dichiarazione dei redditi per lavoratori dipendenti e pensionati che si presenta attraverso il modello 730/19 precompilato o cartaceo. È possibile inviare il documento, correttamente compilato, attraverso il sostituto d’imposta (il datore di lavoro per i dipendenti o l’ente pensionistico per i pensionati che avrebbero dovuto presentare il modello entro l’8 luglio – il 7 era domenica, per cui…

Leggi tutto

Redditi 2019: chi non deve presentare dichiarazione

Ci sono alcune categorie di contribuenti che sono esentate dal dover presentare la dichiarazione dei redditi per svariate motivazioni, per cui non occorrerà inoltrare alcun modello, per il 2019, relativo ai redditi 2018. Per esempio i contribuenti che hanno redditi di qualsiasi tipologia (ma non quelli derivanti da attività svolte con Partita Iva) quando l’Irpef dovuta, al netto delle ritenute, delle detrazioni per carichi di famiglia e di lavoro o pensione, non supera € 10,33 euro. Poi anche quando i soggetti sono “redditi esenti”, ad esempio coloro che percepiscono pensioni…

Leggi tutto