La Cassa Avvocati nella seduta del 26 gennaio 2021 ha sospeso la riscossione dei contributi minimi 2021 (soggettivo e di maternità). Pertanto tutti i Mav, con scadenza febbraio, aprile, giugno e settembre 2021, per il momento, non possono essere scaricati dal sito della Cassa. Con successiva comunicazione verranno fornite istruzioni agli iscritti, in linea con gli emanandi Decreti Ministeriali. La nota della Cassa Forense si riferisce al comma 20, articolo 1, della Legge di Bilancio secondo cui: “Al fine di ridurre gli effetti negativi causati dall’emergenza epidemiologica da COVID-19 sul  reddito dei lavoratori autonomi e dei professionisti e di favorire la ripresa della loro attività, è istituito, nello stato di previsione del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, il Fondo per l’esonero dai contributi previdenziali dovuti dai lavoratori autonomi e dai professionisti, con una dotazione finanziaria iniziale di 1.000 milioni di euro per l’anno 2021, che costituisce il relativo limite di spesa, destinata a finanziare l’esonero parziale dal pagamento dei contributi previdenziali dovuti dai lavoratori autonomi e dai professionisti iscritti alle gestioni previdenziali dell’Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS) e dai professionisti iscritti agli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza di cui al decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, e al decreto legislativo 10 febbraio 1996, n. 103, che abbiano percepito nel periodo d’imposta 2019 un reddito complessivo non superiore a 50.000 euro e abbiano subìto un calo del fatturato o dei corrispettivi nell’anno 2020 non inferiore al 33 per cento rispetto a quelli dell’anno 2019. Sono esclusi dall’esonero i premi dovuti all’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL)”.

Fonte: Cassa Forense

Iscriviti alla newsletter

Holler Box