Decreto Rilancio: Le nuove scadenze fiscali

Pubblicità

Il nuovo Decreto Fiscale pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 128 del 19.05.2020 (D.L. 34/2020 c.d. “Decreto Rilancio”), entrato in vigore lo stesso giorno della pubblicazione ridisegna le nuove scadenze, slittandole al 16 settembre 2020, ma soltanto quelle riferite ai mesi di marzo, aprile e maggio. Restano fuori dallo slittamento le scadenze relative al mese di giugno, quindi quelle legate ai versamenti derivanti dalle dichiarazioni dei redditi, i quali, quindi, dovranno essere effettuati nei termini ordinari.

Nel dettaglio quindi devono essere versati entro il 16 settembre 2020:

  • i versamenti sospesi ai sensi dell’articolo 18 D.L. 23/2020, il quale ha previsto la sospensione dei versamenti a favore dei soggetti che hanno subìto, nei mesi di marzo e aprile, una rilevante riduzione del fatturato;
  • i versamenti sospesi ai sensi dell’articolo 61 D.L. 18/2020, che ha disposto la sospensione dei versamenti a favore delle attività riconducibili ai settori ritenuti maggiormente danneggiati dall’emergenza sanitaria in corso;
  • i versamenti sospesi ai sensi dell’articolo 62 D.L. 18/2020, il quale ha introdotto la sospensione dei versamenti per i soggetti con ricavi o compensi non superiori a 2 milioni di euro o ricadenti nei territori delle Province di Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi e Piacenza.

I versamenti potranno essere effettuati in un’unica soluzione il 16 settembre, o in 4 rate mensili di pari importo, con scadenza il 16 di ogni mese (sempre dal 16 settembre).

Di seguito quindi si riepilogano le imposte che sono state spostate al 16 settembre 2020.

Norma di riferimento Importi da versare Scadenza originaria Scadenza prevista dal Decreto Rilancio
Articolo 126 D.L. 34/2020 Ritenute sui redditi di lavoro dipendente, Iva, contributi previdenziali e assistenziali e premi per assicurazione obbligatoria (imprese che hanno subito una riduzione del fatturato nei mesi di marzo e aprile superiore al 33%, o superiore al 50% se di più rilevante dimensione) Dal 01.04.2020 al 31.05.2020 16.09.2020
Articolo 127 D.L. 34/2020 Ritenute sui redditi di lavoro dipendente, Iva, contributi previdenziali e assistenziali e premi per assicurazione obbligatoria (imprese con ricavi non superiori a 2 milioni di euro o aventi sede nelle Province di Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi e Piacenza) Dal 08.03.2020 al  31.03.2020 16.09.2020
Articolo 127 D.L. 34/2020 Ritenute sui redditi di lavoro dipendente, Iva, contributi previdenziali e assistenziali e premi per assicurazione obbligatoria (imprese operanti in particolari settori particolarmente danneggiati dalla crisi) Dal 02.03.2020 al  31.03.2020 16.09.2020
Articolo 144 D.L. 34/2020 Avvisi bonari e rate avvisi bonari Dal 08.03.2020 al 31.05.2020 16.09.2020
Articolo 149 D.L. 34/2020 Accertamenti con adesione, accordi conciliativi, accordi di mediazione, ecc. Dal 09.03.2020 al 31.05.2020 16.09.2020
Articolo 149 D.L. 34/2020 Rate pace fiscale: adesione ai PVC, adesione agli avvisi di accertamento e definizione delle liti pendenti bis Dal 09.03.2020 al 31.05.2020 16.09.2020
Articolo 154 D.L. 34/2020 Rate rottamazione-ter e saldo e stralcio Tutti i versamenti in scadenza nel 2020 10.12.2020
Articolo 154 D.L. 34/2020 Cartelle di pagamento, avvisi di addebito e avvisi di accertamento affidati all’Agente della riscossione Dal 08.03.2020 al 31.08.2020 30.09.2020

 

Articoli correlati

Leave a Comment