Con 8,6 milioni di pensioni quantificate nel 2019, per un importo medio di 14.700 euro lordi annui e una spesa di 143 miliardi, nel prossimo ventennio la spesa pensionistica potrebbe raddoppiare, così come riporta questa mattina “Il Sole 24 Ore” che ha elaborato i dati Inps.

In 20 anni, però, le cose cambieranno: secondo i numeri prodotti dall’Istituto di Previdenza, infatti, le pensioni da pagare diventeranno 9,3 milioni, con un assegno medio di 27 mila euro lordi annui e una spesa complessiva che potrebbe arrivare a poco meno di 300 miliardi di euro.

Da qui a 20 anni, insomma, la spesa pensionistica è destinata a raddoppiare, arrivando al 20% del Pil (attualmente al 16%). Una previsione a lungo termine, questa, elaborata dall’Inps sulla base di carriere lavorative costanti e, quindi, calcolata considerando la spesa contributiva da versare nei prossimi anni.

Altro aspetto da valutare è che, in tali stime di spesa pensionistica, i costi di “Quota 100” non sono considerati. Di fatto, l’allarme lanciato dal quotidiano economico fotografa la situazione che si prospetta da qui a 20 anni con costi di un sistema che potrebbero risultare insostenibili a lungo andare.

Intanto, il presidente dell’Inps Pasquale Tridico ha affermato all’Ansa: «Quota 100 è una misura che dura tre anni ed è assolutamente sostenibile per i conti dell’Inps. Da questa si ricavano dei risparmi: dalle 140 mila domande di oggi si possono intravedere dei risparmi, rispetto all’iniziale previsto da quel capitolo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Non perdere gli aggiornamenti

 
Holler Box