La Corte di Giustizia UE ha stabilito che gli Stati membri devono introdurre l’obbligo per i datori di lavoro di istituire un sistema che consenta la misurazione oggettiva, affidabile e accessibile della durata dell’orario di lavoro giornaliero dei dipendenti.

Una decisione che obbligherà gli stati membri a dotarsi di un sistema di registrazione, non tanto per controllare i dipendenti (andando a verificare il rispetto degli orari stabiliti da contratto), quanto per riscontrare eventuali ore di straordinario, da trasmettere ai rappresentanti sindacali, come previsto dalla legge locale.

Non perdere gli aggiornamenti

 
Holler Box